closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Khashoggi, a morte i sicari. Salvi i mandanti

Arabia saudita. Si chiude con cinque pene capitali il processo-farsa in Arabia saudita. Prosciolti i più stretti collaboratori del principe Mohammed bin Salman. La procura di Riyadh: «Non fu premeditato». Risultati opposti alle inchieste della Cia e dell’Onu

La foto del giornalista Jamal Khashoggi durante la commemorazione a Istanbul il 2 ottobre scorso

La foto del giornalista Jamal Khashoggi durante la commemorazione a Istanbul il 2 ottobre scorso

Il regime saudita ha assolto se stesso dall’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi. Per la procura di Riyadh ad ammazzare l’editorialista del Washington Post nel consolato saudita di Istanbul, il 2 ottobre 2018, e a sbarazzarsi del cadavere (forse sciolto nell’acido, del suo corpo non è stato trovato alcun resto) sono stati singoli funzionari di loro spontanea volontà. Nessun ordine dall’alto, tutti assolti i più stretti collaboratori del principe ereditario Mohammed bin Salman. Le cinque «mele marce» sono state condannate a morte e altri tre cittadini sauditi, accusati di aver coperto i responsabili, sconteranno un totale di 24 anni di carcere....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.