closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Jobs Act, precari, voucher: scontro tra governo e Cgil

Camusso: «Ancora austerità nella manovra». Poletti: «585 mila posti risultato importante». Corso Italia: «Se vincerà il No al referendum non ci sarà l’invasione di cavallette»

La segretaria della Cgil Susanna Camusso e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti

La segretaria della Cgil Susanna Camusso e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti

Due mondi distanti e in conflitto sul Jobs Act, la legge di bilancio e, entro certi termini, sul referendum costituzionale del 4 dicembre. Ieri, la seconda giornata della Biennale dell'economia cooperativa a Bologna, lo scontro a distanza tra la segretaria generale della Cgil Susanna Camusso e l’ex presidente di Legacoop e Alleanza delle cooperative, ora ministro del lavoro, Giuliano Poletti si è acceso sul Jobs Act. Come sempre a dividere sono i numeri della riforma sulla quale Renzi ha puntato per farsi accreditare come interlocutore da Bruxelles. La Cgil fa un’analisi realistica e precisa dei magri risultati governativi. Poletti ripropone...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi