closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Alias Domenica

Jack London, ambiguità poetiche di un sogno rivoluzionario

Classici del Novecento. «Il tallone di ferro», ripubblicato da Mondadori con una nuova traduzione e con l'inclusione della falsa «Prefazione» espunta da molte precedenti edizioni italiane

Da «Metropolis» di Fritz Lang, 1927

Da «Metropolis» di Fritz Lang, 1927

Tradotto in Italia dal 1925 in poi più volte, Il tallone di ferro di Jack London (1908) è ora riproposto da Mondadori (pp. 280, € 13) in un’ottima versione di Sara Sullam che dà particolare risalto alla sua stratificazione narrativa. Per troppo tempo, difatti, il romanzo ha circolato (non solo nel nostro paese) privo della Prefazione di Anthony Meredith, il fittizio curatore del testo di Avis, voce femminile cui spetta testimoniare l’eroica lotta per il socialismo condotta a fianco del rivoluzionario d’acciaio (come si evince già dal cognome) Ernest Everhard, un personaggio assurto a modello per generazioni di militanti comunisti. In un futuro non distante dai tempi di London, il capitalismo ha imboccato una via totalitaria e Avis ne narra gli orrori e i tentativi di opporvisi. Anche lei, come Ernest, soccomberà ai Mercenari, ma il suo manoscritto ricorda a chi (come Meredith) ha la fortuna di vivere nell’anno 419 di Fratellanza dell’Uomo, quell’epoca buia in cui la società americana era schiacciata dalla dittatura dell’Oligarchia.

In questo romanzo distopico a tre voci, come ben evidenzia Cinzia Scarpino nella densa postfazione, «la prosa piena di vuoti e di incertezze di Avis» filtra e corregge «la retorica tonante di Ernest», così come la prefazione e le note di Meredith correggono il punto di vista di Avis. Il romanzo riflette dunque non solo «l’ambiguità poetica del sogno rivoluzionario di Jack London» ma si rivela anche una macchina narrativa tutt’altro che banale.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna