closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Israele ammette la strage della famiglia Sawarkah

Gaza. Le forze armate hanno aperto un'inchiesta. I palestinesi non credono che porterà a sanzioni nei confronti dei responsabili della morte di otto civili innocenti

Non ha tardato ad emergere la verità sulla strage della famiglia Sawarkah spazzata via da quattro missili sganciati da un caccia israeliano nella notte tra mercoledì e giovedì su Deir al Balah, nella zona centrale di Gaza. Il 45enne Rasmi (Abu Malhous) Sawarkah, ucciso assieme ad altri sette famigliari (tra cui due donne e due bambini di tre e quattro anni), descritto dalle forze armate israeliane come un comandante delle rampe di lancio di razzi del Jihad islami, in realtà era un semplice cittadino palestinese. L’“ufficiale” del Jihad era suo fratello, dicono a Gaza, ma non era in casa in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.