closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Iraq, le vittime delle nostre menzogne

Iraq. Quando il 9 aprile del 2003 a Piazza Firdus gli americani abbattono la statua di Saddam, dal tetto del Palestine potevamo vedere una città di milioni di abitanti completamente svuotata, silenziosa, immobile. Come scrive Giuliana Sgrena nel libro Manifesto per la libertà: «Bastò cambiare un’inquadratura per diffondere al mondo la notizia che una folla inneggiava alla liberazione dal dittatore»

Perché l’Iraq pompa sempre più petrolio - il secondo produttore al mondo - ma produce sempre più rabbia contro il sistema? La ragione profonda è nella sequenza di eventi seguiti alla più devastante fake news contrabbandata dagli Usa nella storia contemporanea e che noi in Europa abbiamo avallato con l’invasione dell’Iraq nel 2003: le armi di distruzione di massa di Saddam Hussein, mai trovate, e la tremenda disillusione seguita all’esportazione della «democrazia» in Medio Oriente, in un Paese che è poi finito, dopo il ritiro degli americani, per metà nelle mani di Al Qaida e del Califfato. Dal 2003 in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.