closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Iraq, la piazza e il presidente: no al premier repressore

Rivoluzioni. Salih minaccia le dimissioni pur di non confermare la nomina a primo ministro di Asaad al-Eidani da parte del blocco sciita filo-iraniano. Governatore di Bassora, legato a Teheran, ha represso le manifestazioni contro corruzione e disoccupazione

Piazza Tahrir, a Baghdad, protesta contro la nomina di al-Eidani

Piazza Tahrir, a Baghdad, protesta contro la nomina di al-Eidani

Barham Salih non è da solo: la decisione di dimettersi da presidente della Repubblica dell’Iraq come forma di protesta per la nomina di un premier filo-iraniano è stata appoggiata da tanti. Dai curdi del Puk, il partito del clan Talabani; da Sairoon, coalizione di sadristi e comunisti; dal partito Al-Nasr dell’ex primo ministro al-Abadi; dalla lista sunnita del Salvation Front. Ma soprattutto Salih ha il pieno sostegno della protesta che dal primo ottobre manifesta (e muore) per un altro Iraq, non più basato su una divisione settaria del potere, non più corrotto, non più dipendente da Iran e Stati uniti....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.