closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Intima distanza

Intervista. "I ricordi del fiume" dei fratelli De Serio, un racconto quasi fiabesco, è uno dei più originali e profondi ritratti che il cinema europeo contemporaneo abbia saputo dare dei rom e della loro vita scomodamente in dissidio con le civiltà urbane figlie della borghesia occidentale

Forse il miglior film italiano della settantaduesima Mostra del Cinema di Venezia è un documentario e viene dal Fuori Concorso. I ricordi del fiume è il racconto che Gianluca e Massimiliano De Serio costruiscono intorno allo smantellamento dell’enorme campo del Platz, nella periferia nord di Torino; un azzeramento radicale che dopo quasi quattordici anni di esistenza, spiana una baraccopoli divenuta nel tempo ben più di un semplice insediamento precario. Gianluca e Massimiliano De Serio, fratelli gemelli, nonostante la loro età (sono nati nel 1978), hanno già alle spalle una lunga esperienza iniziata alla fine degli anni Novanta, sancita nel 2011...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi