closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Inferno jihadista all’Ambassador di Mogadiscio

Somalia. Attacco di Al-Shabaab all’hotel dei politici e degli uomini d’affari. 12 ore di scontro a fuoco, almeno 15 morti. Tra le vittime due deputati. Uccisi anche gli assalitori. Nel mirino il governo «apostata» e l’alleato Erdogan, in visita nei prossimi giorni. Vendicato Mohamud Ali Dulyadeyn, mente presunta della strage alla Garissa University, in Kenya, dell’aprile 2015

Davanti all'hotel Ambassador di Mogadiscio, ieri

Davanti all'hotel Ambassador di Mogadiscio, ieri

C’è il gruppo terroristico Al-Shabaab dietro l’assalto contro l’hotel Ambassador di Mogadiscio di mercoledì scorso: «Abbiamo colpito i membri del governo apostata, uccidendone molti», hanno rivendicato gli integralisti islamici attraverso il loro portavoce alle operazioni militari Abdiasis Abu Musab. Ieri mattina era ancora possibile sentire sporadiche raffiche di arma da fuoco in tutta la zona circostante mentre le forze di sicurezza somale erano impegnate a portare a termine le operazioni di contrattacco e di soccorso ai superstiti rimasti intrappolati nell’albergo di 5 piani gravemente danneggiato. L’assedio è terminato con l’uccisione di tre jihadisti dopo 12 ore di scontro a fuoco...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.