closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Inciampare nella cultura è uno sport bipartisan

Il caso. Dopo la vicenda del fratello del sindaco di Napoli, è polemica per i quattro milioni alla fondazione Ravello festival presieduta da Renato Brunetta

Renato Brunetta

Renato Brunetta

Si fa presto a dire cultura. In Campania due casi stanno dimostrando come centrodestra e centrosinistra abbiano le idee confuse. Ravello festival: tra le manifestazioni più accreditate a livello internazionale, il maggior fautore negli anni ‘90 del suo successo è stato il sociologo Domenico De Masi. Il ministero nel 2009 stanziò la stessa cifra del Festival di Tagliacozzo: 30mila euro. La regione targata Bassolino ne versò 350mila. Nel 2010 Stefano Caldoro vince le elezioni, finisce l’era del sociologo per fare posto a Renato Brunetta, nominato presidente della fondazione. Tra i suoi meriti: una villa faraonica in costiera e aver fissato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi