closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

In Tunisia per affari, abbigliato alla maniera araba: i quaderni di Schliemann

Storie di archeologia. Sei giorni, tra maggio e giugno 1864. Incontrò al Bardo di Tunisi, residenza del Bey, il Primo Ministro Khaznadar

Heinrich Schliemann vestito alla turca al ritorno dalla Mecca, Schliemann Archive, Photos Series J Box I.

Heinrich Schliemann vestito alla turca al ritorno dalla Mecca, Schliemann Archive, Photos Series J Box I.

«Questa mattina ho preso una carrozza e sono andato assieme al servo del Console a Cartagine. Ci siamo fermati davanti alla collina (la Byrsa ndr) sulla quale c’è un podere dei Francesi circondato da un muro altissimo. Lì hanno raccolto qualche statua di marmo e frammenti di mosaici colorati con pesci e altri animali marini». A scrivere queste parole è, nel 1864, l’irrequieto e scaltro uomo d’affari che solo qualche anno più tardi individuerà la mitica città di Troia nella collina turca di Hissarlik. Di Heinrich Schliemann, oltre a una vasta produzione «scientifica» e divulgativa – si contano trecento tra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi