closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

In memoria del futuro per ritrovare l’alterità

New Year's Eve. Il ritorno a Palermo del Tanztheater di Wuppertal, la scommessa dei Motus, Mimmo Cuticchio. La necessità di voci critiche, la rinascita dei luoghi

Il poetico «quel che non siamo, quel che non vogliamo» potrebbe essere un programma di lavoro sufficientemente ambizioso tanto per le Sardine quanto per il teatro contemporaneo, cioè per chi non si arrende a vivere in una piazza virtuale e riafferma la necessità di ritrovarsi fisicamente in uno spazio comune. Che per il teatro significa anche ritrovare un poco della sua alterità, essere fastidiosa voce critica e non educato accompagnatore dello spirito del tempo (qualcuno lo chiama mainstream), dividere piuttosto che confermare ciascuno nelle proprie certezze. DUNQUE MENO spettacoloni che sono tali solo per la durata penitenziale. Meno tediosissime chiacchiere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.