closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In fuga da Mosul: islamisti e civili verso la Siria

Iraq. Intervista al giornalista al Nasrawi: «Ecco la mappa dei soggetti in campo e dei loro interessi. Non è la fine del conflitto, ma l’inizio: ogni parte proverà a consolidare la propria agenda. La Turchia è l’ostacolo peggiore»

Civili iracheni in fuga

Civili iracheni in fuga

La fuga, limitata dalle violenze dell’Isis, è cominciata: in 10 giorni circa 5mila iracheni della zona di Mosul sono fuggiti in Siria. Si trovano ora nel campo profughi di al-Hol, già sovraffolato. L’Onu ne aspetta molti di più. Sul campo le truppe irachene avanzano con la lentezza dovuta alla resistenza islamista, campi minati e kamikaze: si parla di almeno due settimane per entrare in città e due mesi per liberarla. Intanto crescono le tensioni intorno alle milizie sciite: Washington – su spinta della Turchia – ieri ha ribadito di non volersi coordinare con loro, sebbene operino sotto l’ombrello governativo. I...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi