closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

In extremis arrivano i soldi per i lavoratori Alcoa

Ultimo Consiglio dei Ministri. Calenda promette per giovedì aumento di capitale e 5 per cento azioni. La Fiom: bene, ma bisogna riformare il sistema degli ammortizzatori

Una manifestazione dei lavoratori Alcoa di Portovesme

Una manifestazione dei lavoratori Alcoa di Portovesme

Arrivano in extremis, in quello che con tutta probabilità è stato l’ultimo consiglio dei ministri del governo Gentiloni i milioni necessari a prorogare gli ammortizzatori sociali per le zone di crisi industriale. Ad annunciarlo, come al solito in pompa magna è il ministro Carlo Calenda che lega la decisione alla vertenza Alcoa. I ritardi nel processo di re- industrializzazione di Sider Alloy - solo 50 assunti a settembre - rischiava di lasciare senza reddito gran parte dei 376 lavoratori diretti dello smelter di Portovesme spento dal 2013. Non manca però un ultima promessa di Calenda: «Vediamo se entro giovedì riusciamo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi