closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Impotente non è la politica, ma la società

Governanti e governati. Continua il dibattito intorno all'idea di "isocrazia"

Claude Rains in L'uomo invisibile, 1933

Claude Rains in L'uomo invisibile, 1933

Stefano Bonaga e Giorgio Ardeni hanno aperto un importante dibattito su come superare l’odierna impotenza politica, che ha portato ad intervenire diverse personalità del mondo politico e intellettuale, ultimi Gianni Cuperlo e Pier Luigi Bersani: recuperando il termine “isocrazia” si auspica un riscatto della potenza “equamente distribuita” del sociale, capace di sanare l’inadeguatezza della rappresentanza politica e riattivare la cittadinanza, fonte reale di ogni effettualità. Franco Berardi “Bifo” è stato uno dei primi a rispondere a questa sollecitazione, radicalizzando i termini della questione: l’attuale impotenza non deriverebbe da “ragioni politiche”, quanto da condizioni reali e, di fatto, immutabili: sarebbe la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi