closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Ilva, nel tragico dilemma rafforzare l’unità tra operai e cittadini

Taranto. Per uscire dalla crisi occorre riprendere l’iniziativa operaia, attualizzandola e unendola all’azione dei comitati locali, attuare le migliori tecnologie disponibili e passare a un diverso processo produttivo, senza la fase obsoleta di riduzione del minerale ferroso

L’Ilva di Taranto

L’Ilva di Taranto

Sul manifesto Giorgio Nebbia definì la vicenda Ilva un tragico dilemma per la difficoltà di conciliare l’utile produzione di acciaio con salute e sicurezza. Tra gli anni ’60 e ’80 si svilupparono esperienze operaie autogestite che mettevano in discussione l’immutabilità dei modi di produzione. Il punto di partenza erano le condizioni di lavoro, il punto di arrivo proposte per modificare i cicli produttivi e ridurre i loro impatti. Queste esperienze uscirono dalle fabbriche contribuendo alla nascita e allo sviluppo dell’ambientalismo. Il conflitto con il capitale non si esauriva in rivendicazioni salariali ma costringeva a innovazioni e investimenti che hanno anche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.