closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Il voto greco, un referendum sull’austerity

L’elettorato si è spostato agli estremi e dove Syriza ha riscosso successi, anche Alba Dorata ha raccolto voti

Manifestazione di Syriza contro l'austerità, in basso militanti di Alba dorata

Manifestazione di Syriza contro l'austerità, in basso militanti di Alba dorata

La vittoria di Syriza - che domenica scorsa ha ottenuto un vantaggio di 4 punti percentuali sul partito di governo Nuova Democrazia - nasconde cambiamenti più complessi nella politica greca. Il voto è stato espresso dal 60 per cento degli aventi diritto - 8 punti in più rispetto al 2009 - ma il dibattito pre-elettorale è stato monopolizzato da questioni interne: il voto è stato un referendum sul governo e sull’austerità. Il primo dato è lo spostamento dell’elettorato verso le estremità dello spettro politico. Solo cinque anni fa, nel 2009, 16 dei 22 rappresentanti greci al Parlamento Europeo erano stati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi