closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il «teatro abitato» dove la città incontra gli artisti

Atelier sì. I direttori artistici Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi raccontano lo spazio creativo bolognese

Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi

Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi

L’espressione artistica era già nelle fondamenta dello storico palazzo di Via San Vitale, nel centro di Bologna. Nato nel ‘500 come convento delle Orsoline, dove oggi c’è il teatro le suore suonavano e cantavano per farsi sentire, ma non vedere, nella chiesa confinante al di là del muro. Dopo numerosi cambiamenti e i secoli trascorsi, la sala divenne la sede del Teatro Laboratorio di Leo De Berardinis nei primi anni ’90, che la attrezzò con dei ponteggi mobili e una gratinata estraibile. Nello stesso periodo e nella medesima città veniva fondata, da Fiorenza Menni e Pietro Babina, la compagnia di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi