closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Il teatrante», grandezze e miserie del mattatore

Teatro. Branciaroli rilegge il testo di Thomas Bernhard. Paradossi di una società allo specchio

A venticinque anni dalla morte, la scrittura di Thomas Bernhard resta centrale e solidissima non solo nei libri, ma anche sul palcoscenico, a cui l’autore austriaco dedicò tanta parte delle sue energie e del suo humour micidiale. E sono ancora inimitabili i suoi furori e la sua crudeltà verso la cultura e la politica di tutta l’area di lingua tedesca, di cui smaschera la consistente e persistente eredità nazista. Riti e miti di quelle borghesie divengono nelle sue parole gran balli macabri, che nascondono il vuoto e il conformismo che dappertutto alligna. Sul teatro poi, cui lo lega la consuetudine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.