closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Il sindaco di Ascoli, «l’astro nero» con le carte del baro

Fino allo scorso maggio non se lo filava nessuno, Guido Castelli. I soliti beninformati, quando si sforzavano di immaginare un futuro postberlusconiano, guardavano per lo più verso Pavia, dove regnava Alessandro Cattaneo, già «sindaco più bravo d'Italia» e leader dei «formattatori» (ve li ricordate?) del Pdl. Peccato che alle ultime elezioni sia caduto pure lui, sconfitto a sorpresa da un renziano qualunque. Così, mentre Forza Italia diventava terzo partito dietro Pd e M5S praticamente ovunque, nello sfacelo della destra, a brillare c'era rimasta solo una luce dalla periferia dell'impero. Le elezioni comunali di Ascoli, Castelli le ha vinte senza problemi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.