closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Il ritorno di Provenzano a Corleone

Mafia. Tumulate ieri poco dopo l'alba le ceneri del boss. In un'atmosfera surreale, col cimitero assediato da polizia, carabinieri e guardia di finanza

Corleone sembra un paese sospeso. Fermo. Come un pugile all'angolo del ring, colpito al ventre sano dalle parole di Salvo Riina, figlio del capomafia, nell’intervista a Porta a porta, dalle polemiche per un 'inchino' della vara che c'è stato e non c'è stato ma che certamente non può essere metafora di una comunità intera, per la morte di Bernardo Provenzano, le cui ceneri, racchiuse nell'urna, sono state tumulate ieri poco dopo l'alba, in un'atmosfera surreale, col cimitero assediato da polizia, carabinieri e guardia di finanza. Episodi che segnano una specie di ritorno al passato, che per chi vive a Corleone...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.