closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il ricatto turco agli Usa passa per l’Isis

Turchia. Ankara stacca per alcune ore la corrente alla base di Incirlik da cui 2mila soldati statunitensi lanciano raid contro gli islamisti in Siria e la fa sorvolare dai caccia. Il segretario di Stato Kerry risponde alle accuse: Washington non è dietro il tentato golpe

La base aerea Incirlik in Turchia

La base aerea Incirlik in Turchia

Uno degli esiti del mancato golpe in Turchia è la tensione sorta nei rapporti di questa nazione con gli Stati Uniti. Subito, sin dal ritorno di Erdogan al comando, la Turchia ha neppure troppo velatamente accusato l'America di essere dietro questo golpe e di star proteggendo Fethullah Gulen, l'imam e magnate turco che dal 1999 vive in auto-esilio in una tenuta super-protetta in Pennsylvania, e di cui il governo di Ankara chiede da tempo l'estradizione. Non ci sono state solo parole dure tra le due nazioni; per alcune ore è stata interrotta l’erogazione di corrente elettrica alla base aerea americana...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.