closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il raid di Israele nel Sinai costringe l’esercito a smentire

Egitto. I jihadisti accusano i militari di "cooperazione"

L'esercito egiziano smentisce che sia da attribuire a Israele l'attacco di venerdì contro presunti miliziani qaedisti nel Sinai. E ancor più fermamente nega la voce trapelata da una fonte vicina al ministero della Difesa, secondo la quale il raid, bilancio finale cinque morti, è il frutto di una nuova collaborazione strategica tra Egitto e Israele. «Stiamo investigando sulle circostanze dell'attacco» ha precisato il portavoce dei militari, egiziani Ahmed Ali, la cui versione trova una sponda negli osservatori statunitensi citati dal "New York Times", secondo i quali i droni che utilizza Tel Aviv su quel fronte non sono in grado di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi