closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Il ragazzo romantico è qui

Il bicentenario di John Keats. Una nuova versione (Francesco Dalessandro) di sonetti, «Belle Dame» e altre poesie per Fanny rilancia la discussione sulle traduzioni italiane

John Keats, fotoincisione da un ritratto di Joseph Severn

John Keats, fotoincisione da un ritratto di Joseph Severn

Se c’è un poeta intensamente amato, tradotto, imitato – almeno da chi è ‘nato platonico’ – questo è Keats. Poeta romantico per eccellenza, annunciato da Novalis appena dopo la nascita nel 1795: «Il carattere più completo, quello trasparente, spontaneamente comprensibile – quello leggero e splendente per natura ed elastico» (Polline, 1798), che ispira a Pater l’ideale classico di bellezza: «Più volte il mondo è stato sorpreso dall’eroismo, dalla saggezza, dalla passione di questa limpida natura di cristallo» ( Diaphaneité, 1864). Non manca Yeats che lo immagina bambino: «La sua arte è felice; ma chi conosce la sua mente? / Se...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi