closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il racconto di una società sotto anestesia

Cinema. «Sole cuore amore» di Daniele Vicari, alla Festa di Roma e in sala nei primi mesi dell'anno prossimo. La vita quotidiana affrontata con forza e grazia

Una sequenza di «Sole cuore amore» di Daniele Vicari

Una sequenza di «Sole cuore amore» di Daniele Vicari

Il primo elemento destabilizzante di Sole cuore amore è proprio il titolo del film di Daniele Vicari, regista di epocali movimenti di massa e film di denuncia dalla Diaz all’esodo degli albanesi, a cui non riusciremmo ad associare le canzonette. Il secondo è l’uso di importanza rilevante che nel suo film si fa della danza, tanto lontano dal suo modo di essere che lo assoceresti piuttosto a un assalto di pirati, alla sfida all’ok Corral, a una manifestazione di massa.         Eppure il cortocircuito che si forma serve a far procedere il racconto e prende senso nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi