closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il pericolo di una deriva jihadista

Analisi. La scelta sconcertante, nel contenuto e nei tempi, della scarcerazione dell’ex dittatore Mubarak

La protesta dei fratelli musulmani

La protesta dei fratelli musulmani

Dopo il colpo di stato, il colpo di spugna. L’immagine contrapposta di Hosni Mubarak libero e Mohamed Morsi in carcere, è la fotografia delle contraddizioni dell’Egitto di oggi. In mezzo, il generale al-Sisi: ministro della difesa ma, ora, presidente di fatto, colui che ha in mano le chiavi del potere. E della repressione. Nella carcerazione di Morsi, primo presidente eletto della storia egiziana, e nella contemporanea liberazione dell’ex presidente-dittatore Mubarak, c’è molto di più di una scelta sconcertante, nel contenuto e nei tempi. C’è una delle ragioni di quanto sta succedendo. Tutto è cominciato con piazza Tahrir. Un movimento di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi