closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Il Pd litiga sul dialogo, Renzi mina il tavolo con M5S

Democrack. L’ex segretario in tv, non chiude ma detta condizioni impossibili. Martina arretra: la direzione discute solo se cominciare a discutere. Poi annuncia un possibile referendum interno "per far decidere la base", ma il regolamento possono scrivere solo i renziani

Maurizio Martina

Maurizio Martina

Il grande vuoto che separa le consultazioni del presidente Fico (l’ultima il 26 aprile) e la direzione nella quale il Pd dovrà decidere se sedersi o meno al tavolo con il Movimento 5 Stelle (il 3 maggio) si riempirà oggi delle decisioni di Matteo Renzi, che torna in tv. Sarà stasera a Che tempo che fa: la prima volta sugli schermi dopo la sconfitta del 4 marzo cade nelle ore in cui il Pd si avvia a perdere anche in Friuli. Ma non si parlerà di questo, l’attesa è per la linea renziana sulla trattativa con i grillini. Prevista una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi