closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Visioni

Il parrucchiere poeta e il strasem-i-mudant

Habemus Corpus. Durante la prima ondata di pandemia, uno degli argomenti più discussi dalle donne fu il coiffeur di fiducia

Warren Beatty e Goldie Hawn in una scena di Shampoo  diretto da Hal Ashby (1975).

Warren Beatty e Goldie Hawn in una scena di Shampoo diretto da Hal Ashby (1975).

Durante la prima ondata di pandemia, uno degli argomenti più discussi dalle donne fu il parrucchiere. Ci furono le abituate alla tinta che dovettero arrangiarsi con prodotti fai-da-te e relativi disastri. Quelle non avvezze a phon e spazzola costrette a rassegnarsi a pieghe improponibili. Le portatrici di capelli crespi che, in assenza del parrucchiere che li rendeva morbidi e lisci, subirono veri tracolli nervosi. Chi, dovendo accorciare la chioma, ricorse prima a forcine ed elastici poi a tagli casalinghi dai molto dubbi risultati estetici. Quando finalmente i parrucchieri riaprirono, qualcuna disse che non le sarebbe bastato un appuntamento, ma avrebbe...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi