closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il papa in Iraq sconfigge i potenti della terra

In missione di pace. È suo il vero patto di Abramo che ieri in Iraq ha stretto con Ali Sistani, con tutti gli iracheni e anche con noi: basta guerre, basta armi, basta intolleranza. In poche ore Bergoglio in Medio Oriente sta facendo più di chiunque altro in un secolo di guerre e massacri, di falsi accordi e di pacificazioni effimere

Papa Francesco in Iraq

Papa Francesco in Iraq

Cosa sono la politica e la diplomazia? Eccole, nel segno di Abramo, e le porta un uomo testardo vestito di bianco. Cos’è il coraggio di cambiare il mondo? È quello di Bergoglio che in direzione ostinata e contraria, quando tutti lo sconsigliavano dall’andare in Iraq, ha sfidato i consigli più ipocriti, degli americani e dei venditori di morte occidentali. E lo ha detto anche nella biblica piana di Ur dove oltre a condannare il terrorismo in nome della religione si è scagliato contro ogni forma di oppressione e prevaricazione. «Quante divisioni ha il papa?», si chiedeva ironicamente Stalin a Yalta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi