closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Lavoro autonomo, una nuova specie di proletariato

Quinto Stato. Cgia di Mestre: un lavoratore autonomo su quattro è a rischio povertà. Un rischio quasi doppio rispetto ai dipendenti

Il quinto stato di Giuseppe Allegri e Roberto Ciccarelli (Ponte Alle Grazie)

Il quinto stato di Giuseppe Allegri e Roberto Ciccarelli (Ponte Alle Grazie)

Un lavoratore autonomo su quattro è a rischio povertà. Le famiglie delle partite Iva, dei piccoli imprenditori, artigiani, commercianti, liberi professionisti e soci delle cooperative corrono un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti. I dati sconvolgenti che la Cgia di Mestre ha diffuso ieri sono utili per disegnare il profilo di un segmento importante del quinto stato in Italia: quello del lavoro indipendente. Tre milioni e mezzo di persone, tra cui oltre 2 milioni di imprenditori individuali, 959 mila professionisti, 442 mila ditte individuali che beneficiano di un regime fiscale di vantaggio. La destra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.