closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il naufrago ha scoperto i colori della vita

Cinema. «La tartaruga rossa» di Michaël Dudok de Wit nelle sale per soli tre giorni: il 27, 28 e 29 marzo.Un gioiello di animazione senza dialoghi, racconto per immagini dei cicli dell’esistenza umana e non

una scena da La tartaruga rossa

una scena da La tartaruga rossa

Presentato in anteprima all’edizione dello scorso anno del Festival di Cannes, dove nella sezione sezione Un Certain Regard si è aggiudicato il premio speciale della giuria, La tartaruga rossa rappresenta un qualcosa di davvero unico nel mondo della cinematografia contemporanea. Fin dal processo che ha portato alla nascita di questo esperimento visivo in forma animata, è chiaro che ci troviamo davanti per certi versi a un eccezione, il risultato di un concretizzarsi di una serie di eventi e incontri favorevoli avvenuti durante l’ultimo decennio. Nel 2004 il regista ed animatore olandese Michaël Dudok de Wit incontra al festival di Hiroshima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi