closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il mondo perduto dei follower secondo Bauman

Intervista . Un incontro con Zygmunt Bauman, in Italia per ricevere il premio Hemingway. «All'inizio ci furono i walkman, adesso i social network. Le nuove tecnologie cancellano l'impegno del dialogo»

Zygmunt Bauman

Zygmunt Bauman

L’ultimo «territorio» che Zygmunt Bauman ha cominciato ad esplorare è quello della Rete. Uno spazio dove tutte le componenti di quell’affresco sulla modernità liquida sono evidenti, ma sono assemblate in modo tale da assumere una «naturalità» che mal si accompagna con la riflessione dello studioso che considera, invece, la modernità liquida come una «produzione» dell’umano stare in società. La dissoluzione dei legami sociali (le istituzioni della socialità, scriverebbe Georg Simmel), la crisi dei confini nazionali non sono quindi un dato di natura, bensì l’esito delle relazioni sociali. Per Bauman, questi elementi hanno nella Rete una esemplificazione evidente, che getta tuttavia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi