closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il mondo è bellissimo, tra Luca Attanasio e Ferlinghetti

Altro che la Farnesina . L’Africa e il Congo ce li dimenticheremo presto e insieme a loro anche il coltan, estratto con paghe da fame da popolazioni schiavizzate, che fa funzionare telefonini e computer

Congo, luogo dell'agguato a Luca Attanasio

Congo, luogo dell'agguato a Luca Attanasio

Ogni volta si vorrebbe immaginare la morte, almeno accidentale, dell’ipocrisia, che invece sopravvive a ogni temperie. In decenni da inviato di guerra ho scritto purtroppo questo pezzo troppe volte nel ricordo di persone che conoscevo e di amici cari uccisi sul campo. Le recriminazioni sono comprensibili ma inutili e forse prive di senso. L’ambasciatore Luca Attanasio è stato ucciso in Congo proprio dove voleva portare una speranza di vita. Non una morte accidentale ma la conclusione tragica di un percorso professionale e personale che merita grande rispetto. Non è stata certamente la sua, quella del carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi