closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Il mercoledì del leone Milius visto da Ghezzi

I magnifici 70. L’americanità come un continuo stare in bilico sull’autodistruzione: ritratto-recensione d'autore del regista, 1978

John Milius amerebbe poter sparare ai suoi attori. Lo afferma nella lunga intervista dedicatagli due anni fa dalla rivista americana Film comment. Per ora, si limita a sparacchiare per aria sul set - alla Fuller - per vivacizzare l’ambiente. Un mercoledì da leoni viene dopo Dillinger (con Warren Oates), Il vento e il leone, e diverse sceneggiature (Corvo rosso, L’uomo dei sette capestri, un paio di Eastwood-Callaghan...) tra cui quella dell’imminente Apocalypse now di Coppola (ma Milius è inferocito perché il suo libero ispirarsi al Conrad di Cuore di tenebra per un’oscura «epopea di grandiosa discesa all’inferno animale» nell’ambito della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi