closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il malinconico addio della ragazza di fuoco

The Hunger Games. Il canto della rivolta parte 2, ultimo episodio della serie dal best seller di Susan Collins, si concentra quasi esclusivamente sull'azione, perdendo il pathos e l'inventiva dark dei precedenti

Nella sua evoluzione da cacciatrice del poverissimo, minerario, dodicesimo distretto di Panem, a quella di Giovanna d’Arco della rivoluzione contro il sadico presidente Snow, Katniss Everdeen è sempre rimasta fedele a se stessa: indocile, riflessiva e malinconica, insofferente agli ordini, scettica nei confronti di qualsiasi potere (qualità per cui la ammirano anche Occupy Wall Street e il Tea Party), ferocemente protettiva di quelli che ama e dei valori in cui crede. Interpretata con dolce stoicismo da Jennifer Lawrence (al primo film una stella del Sundance, oggi un’attrice tra le più pagate e richieste di Hollywood), Katniss è così anche nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi