closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il giorno del massacro

Egitto. La polizia sgombera piazza Rabaa, è un bagno di sangue. Per il governo sono 150 i morti, ma i Fratelli musulmani ne contano 2000

Corpi di decine di ragazzi e uomini adulti, volti straziati di donne e giovani, il rosso vivo del loro sangue, sono le immagini della carneficina egiziana compiuta ieri. Persone indifese sono state attaccate alle prime luci dell’alba da poliziotti, altrettanto poveri, ma armati fino ai denti, sono state colpite dai cecchini posizionati sui tetti delle case, sono state massacrate da criminali in borghese sguinzagliati alla rinfusa. Il corpo dilaniato di un ragazzo viene portato verso la moschea Alaa Ina, sotto il ponte 6 Ottobre, prima dell’inizio di via Nassr a qualche centinaio di metri dal sit-in di Rabaa al Asaweya....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi