closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il gioco tattico dei partiti, e quello strategico di Draghi

Equilibri politici. Draghi è impegnato a risolvere le contraddizioni contingenti dei processi economici e sociali, con l’adattamento a nuove e vecchie, ma adeguate, forme di dominio.

Tutte le componenti del politicismo, di quella schiuma di superficie che è presente nel governo Draghi, si chiedono, con apprensione, quali saranno i lineamenti secondo i quali si svilupperà l’azione del Premier. L’ apprensione, naturalmente, riguarda solo gli esiti del dare e dell’avere che il loro posizionamento nella compagine governativa apporterà ai nuovi equilibri politici che emergeranno dopo la conclusione della fase in corso. Se, invece, si usano gli strumenti, anche minimi, dell’analisi strutturale secondo il paradigma della profondità, la meccanica radicale alla base della funzione del governo Draghi non riserverà particolari sorprese. «Monti demiurgo di Draghi», ha affermato Emiliano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi