closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il gioco delle illusioni in un quartetto d’archi

Intervista. Il compositore francese Pierre Thilloy parla dei «Falsari», presentato in prima mondiale al cantiere dell'Arte di Montepulciano.Una rilettura del complesso testo di Gide nata come una sfida

Uno fra i più complessi testi di Gide, I Falsari ( Les faux Monnayeurs) ha già trovato due anni fa la strada dello schermo in Francia, con una poco riuscita pellicola televisiva di Benoit Jacquot. Con risultato di maggior peso approda ora al teatro musicale: il Cantiere d’arte di Montepulciano ha infatti ospitato la creazione dei Falsari, seconda opera del compositore francese Pierre Thilloy. Nato nel 1970, Thilloy, avviato agli studi musicali relativamente tardi, è un compositore piuttosto prolifico e dallo stile eclettico, con all’attivo otto sinfonie, concerti, una nutrita serie di lavori cameristici, trascrizioni e adattamenti. Sono stati accolti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.