closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il giardino dove il tempo si è fermato

Commedia. In sala da oggi «La casa delle estati lontane», opera prima di Shirel Amitai: una storia privata che riflette quella di Israele

Del giardino sono rimaste soltanto le erbacce che crescono intorno alla tomba dell’asino, Raspuntin. «Non è un nome per asini questo» ripete un po’ ironico quel ragazzino arabo che appare e scompare con impertinenza raccogliendo di nascosto le olive a Cali (Geraldine Nakache). Insieme alle sue sorelle, Darel e Asia, la giovane donna è tornata nella vecchia casa di famiglia in Israele per venderla. La maggiore, Darel (Yael Abecassis) si oppone, la minore Asia ( Judith Chemla) che ha ereditato «tutta l’eleganza delle madre» - come dice il vecchio amico del padre - è sperduta, irrequieta, sempre in viaggio sia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.