closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Il fascismo stradale e l’indignazione del benpensante

Ciclostile. Dopo l'ennesima morte stradale di una giovane donna in bicicletta, schiacciata da un'automobile, un post parla di "fascismo autostradale" per convocare una manifestazione di protesta e i social si scatenano perché non bisogna "buttarla in politica"

E' passato qualche giorno da un mio post in cui ho introdotto il concetto di “fascismo stradale” e sto osservando con un certo sconcerto alcune reazioni esagitate nei vari canali social in cui intervengo. Faccio un riassunto. L'ennesima morte stradale di una giovane donna, schiacciata in bici da un'automobilista con il mezzo fuori controllo (pare) ha scatenato la reazione degli attivisti, fino a portare all'idea di una nuova manifestazione nazionale di chi si sposta in bici o vorrebbe farlo senza paura, si spera molto partecipata come o più di quella del 2012 ai Fori Imperiali a Roma, dove il 28...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi