closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il fallimento di Marino e la scelta del candidato

Elezioni amministrative. Opporsi al neoliberismo

Pochi mesi fa Marco Bersani di fronte all’offensiva neoliberista ai danni degli enti locali notava che sindaci e amministratori dovevano «decidere se essere gli esecutori ultimi di un processo di privatizzazione», che avrebbe comportato la consegna di «beni e patrimonio alle lobby bancarie e finanziarie», o «se riconoscersi come i primi rappresentanti degli abitanti di un determinato territorio e porsi in diretto contrasto con quei processi». Se va, dunque, sottolineato che il sindaco Marino nulla ha avuto a che fare con la cosiddetta Mafia Capitale, annidatasi nel tessuto di potere capitolino attraverso il totem neoliberista delle esternalizzazioni dei servizi, è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi