closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il coronavirus sta scatenando la fantasia dei complottisti

Psicosi. Se mettiamo insieme un'emergenza sanitaria globale, del giornalismo scadente, la tuttologia che impera sui social e un pizzico di razzismo il risultato è la bomba di disinformazione a cui stiamo assistendo sul corona virus

Il contagio del nuovo coronavirus, partito dalla Cina, si sta espandendo con una certa rapidità anche in altri paesi – Italia compresa. E che la situazione sia seria l’ha confermato anche L’Organizzazione Mondiale della Sanità, dichiarando l’emergenza sanitaria globale. Di sicuro, sul coronavirus si stanno addensando sempre più preoccupazioni e paure. In un certo senso, è fisiologico: ogni epidemia genera un’ondata di paura, a maggior ragione in un’epoca interconnessa come la nostra. Se da un lato le autorità sanitarie nazionali stanno facendo di tutto per tranquillizzare le popolazioni, dall’altro lato c’è chi approfitta di questo clima di incertezza per diffondere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.