closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Il convento di San Domenico Maggiore restaurato

Il luogo della mostra. Il convento, ricco di storia e opere d'arte: qui si trova anche la cella di San Tommaso d'Aquino professore di teologia

A pochi passi dal decumano inferiore, in questa zona centrale, simbolo del potere laico, religioso e culturale è la chiesa di San Domenico Maggiore, luogo superbo per tantissimi motivi, stracarico di opere d’arte (ma Caravaggio, Raffaello, Tiziano sono state spostate altrove come quelle di Guido Reni e Luca Giordano) dove nella sala rettangolare della Sacrestia vengono conservate 45 arche sepolcrali dei protagonisti della storia della città, l’intera dinastia aragonese e altri nobili della corte. Fabbrica sacra decisamente insolita perché edificata sul nucleo originario della chiesa di San Michele Arcangelo a Morfisa, trasformata per volere di Carlo II d’Angiò e affidata,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.