closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il Consiglio dei guardiani ha scelto: favorito il conservatore Raisi

Iran. L’esito avrà un impatto negativo sulla ripresa dell’accordo nucleare

Ebrahim Raisi

Ebrahim Raisi

Venerdì 18 giugno gli iraniani andranno alle urne per eleggere il prossimo presidente della Repubblica islamica. La buona novella è che non si tratterà di un membro dei Pasdaran, le Guardie rivoluzionarie. La cattiva notizia è che, dietro le quinte, i giochi sono già stati fatti, il voto avrà un impatto negativo sulla ripresa dell’accordo nucleare e quindi dell’economia. I dodici teologi e giuristi che compongono il Consiglio dei Guardiani hanno infatti approvato sette candidati: saranno soltanto loro a potersi presentare alle presidenziali del 18 giugno. Se nel 2013 il moderato Hasan Rohani era riuscito ad aggiudicarsi la poltrona di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.