closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il confine sottile tra piacere e sottomissione

Habemus corpus. Il sesso orale non va regalato al primo che passa. Dovrebbe essere un punto di arrivo e non di partenza perché bisogna meritarselo

Userò termini forti, ma necessari per ciò che sto per raccontare. Incrocio per strada tre ragazzi fra i 18 e i 20 anni e, casualmente, sento la loro conversazione. «Allora chi invitiamo alla festa?». «Serena». «Bene. Troia numero 1. Poi Paola». «E Sabrina?».«Ah sì. Troia numero 3. Sono tutte pompinare» e giù a sghignazzare. È davvero sconcertante che oggi ci siano ancora dei giovani che parlano così delle donne e abbiano di loro un’immagine così settaria e giudicante. Dove hanno appreso questa mentalità? In famiglia? Dalla televisione? Dai social? Nella società? Questi tre, e quelli come loro, hanno un’idea molto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi