closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il caleidoscopio di Paul Simon

Note sparse. Il 3 giugno esce «Stranger to stranger», forse il canto del cigno del cantautore americano. Nel disco anche il producer e artista toscano Cristiano Crisci, in arte Clap!Clap!

Paul Simon

Paul Simon

Nell’Europa della Restaurazione, tal David Brewster prese degli specchietti e qualche frammento di plastica colorata, li avvolse in un cartone e inventò un nuovo modo di guardare la realtà che prese il nome di caleidoscopio («guardare il bello»). Grazie alle simmetrie generate dagli specchi, si ottenevano visioni geometriche, più o meno complesse a seconda dell’oggetto guardato, osservando le mutazioni di colore e forma, senza mai ripetersi. Oggi il caleidoscopio può apparire come via di fuga alle correnti reazionarie che soffiavano nei primi anni dell’800, un buffo antenato degli effetti speciali o un passatempo canuto, come forse è stato accolto scioccamente,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.