closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

I vampiri anarco punk di Miike Takashi

Cannes 68. Per il regista giapponese un frenetico film, passato sulla Croisette alla Quinzaine, che mescola horror e citazioni pulp

Limitandosi a soli due film all’anno, e avendo ampiamente superato la soglia di una filmografia che vanta oltre un centinaio di titoli, Miike Takashi ritorna alla Quinzaine des Realisateurs, dalla quale mancava dal 2003, anno di Gozu, scelto dall’allora delegato François Da Silva e liquidato da Libération come «du Buñuel à la moulinette trash» (ossia Bunuel nel passatutto trash). Insignito del Maverick Award durante l’ultima edizione mülleriana del Festival Internazionale del Film di Roma, Miike torna alla carica con Yakuza Apocalypse (Gokodou daisensou). In linea con Mogura no uta - Sennyû sôsakan: Reiji e Kamisama no iu tôri, Yakuza Apocalypse...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.