closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

I sindacati incassano subito il dialogo sociale: «Non sarà come Monti»

La tela del drago. Da Cgil, Cisl e Uil apertura di credito per il premier incaricato: «Serve la proroga del blocco dei licenziamenti citata da Mattarella»

Maurizio Landini, Pierpaolo Bombardieri e Annamaria Furlan

Maurizio Landini, Pierpaolo Bombardieri e Annamaria Furlan

Si spera che sia come Ciampi, provando a esorcizzare il fantasma di Monti. La reazione dei sindacati all’arrivo di Mario Draghi è un’apertura di credito che si concretizza subito nel primo discorso del premier incaricato: «Sono fiducioso che dal confronto con i partiti e i gruppi parlamentari e dal dialogo con le forze sociali emerga unità». Per Cgil, Cisl e Uil basta e avanza per dichiarare chiusa la «fase» Conte - con lui il dialogo c’è stato ma intermittente - e dare credito al tentativo dell’ex governatore della Bce che assieme a Trichet nel 2011 mandò la lettera da cui...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi