closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

I saggi tornano alla bicamerale

Riforme. Consegnato a Letta il lavoro dei 33 professori. E' un testo aperto, che contiene proposte della commissione del '97 e una rassegna del dibattito degli ultimi 30 anni. La preferenza del ministro è per il premierato

«Il governo del primo ministro è l’ipotesi che ha il consenso più largo dentro la commissione». Sembra Gaetano Quagliariello ieri sera, invece è Massimo D’Alema nel maggio 1997. La commissione del «saggi» di nomina governativa, in campo da luglio per preparare le riforme costituzionali, è arrivata alla stessa mediazione con la quale D’Alema tentò - invano - di condurre in porto la bicamerale. Non era impossibile prevederlo. Tra saggi a favore del presidenzialismo (13 di loro firmano «un’opinione dissenziente») e saggi affezionati alla forma di governo parlamentare, «è emersa una proposta di governo parlamentare del primo ministro - questo è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi