closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I Rohingya prime vittime dei militari birmani

Myanmar/Bangladesh. Disabilità causate da repressione, condizioni di vita al limite e il Covid in agguato: racconto da uno dei campi profughi in Bangladesh

Kamrul Islam lavora per conto della «Christian Blind Mission» nei campi che ospitano i profughi Rohingya in Bangladesh. Questa associazione di origine protestante si occupa prevalentemente di disabilità, in particolare di problemi agli occhi. Kamrul è infatti uno dei responsabili del gruppo di lavoro per la protezione delle persone con disabilità, a cui partecipano anche altre Ong. «Secondo le nostre stime oltre il 10% delle persone nei campi hanno funzionalità ridotte», ci spiega. «Per molti di loro la causa è la repressione scatenata dall’esercito birmano», che in tanti non esitano a definire un vero proprio genocidio. «OLTRE ALL’ASSISTENZA MEDICA in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi