closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

I ready-made e il culto autoreferenziale dell’arte

Sarantis Thanopulos: «Monica, in un tuo intervento su Qui e Ora (n.28) fai un’analisi della presenza del ‘ready-made’ - un oggetto ‘pronto all’uso’, seriale, non fatto su misura- nell’arte contemporanea. Un oggetto comune, è tolto dal contesto anonimo del suo uso quotidiano per essere esposto come opera d’arte senza alcuna sua modifica da parte dell’artista. Il cui intervento si limita nello spostamento di un oggetto da un contesto a un altro. Lo spostamento, apparentemente dissacrante, serve, nelle intenzioni dei suoi fautori, a evidenziare che non sono gli oggetti artistici a fare dei musei un tempio dell’arte. Sono, al contrario, i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.